Rim'K sfoggia le sue Air Max nel rap francese da quasi 30 anni, costruendo un curriculum che fa invidia a tutti i rapper. street Ha anche preso parte ad alcune delle più grandi avventure del gioco FR, ha saputo rinnovarsi per rimanere rilevante e, soprattutto, è rispettato ovunque, dalle case discografiche. Project X Paris Per questo motivo, abbiamo deciso di onorare il suo lato OG durante le nostre riprese.

RIM'K, LO ZIO DEL GIOCO

La musica è in continua evoluzione ed è facile essere sopraffatti da nuovi flussi e nuovi modi di elaborare il suono e accontentarsi delle vecchie ricette che si padroneggiano già. Pochi artisti sono riusciti a rimanere rilevanti e innovativi per oltre 20 anni. Ma Rim'K è uno di questi! In Francia, solo Booba e Rohff possono vantare di essere rimasti al vertice per così tanto tempo, ma Rim'K è molto meno divisivo dei suoi due colleghi e praticamente tutti, di tutte le generazioni, lo amano. E perché? Probabilmente per la sua cordialità e umiltà ogni volta che lo vediamo in un'intervista. Ha fatto parte di alcune delle più grandi pagine della storia del rap francese, ma continua ad adottare la stessa energia di un esordiente a ogni nuova uscita, e questo è già qualcosa. La storia inizia nei primi anni '90, a Camille Groult, quando Rim'K decide con due compagni d'infanzia (AP e Mokobe) di creare 113, che prende subito posto sotto la bandiera del più grande collettivo della storia del rap francese: la Mafia K'1 Fry.

Insieme, avrebbero scritto le due cifre del loro dipartimento, 94, nel libro d'oro del rap. Il 113 pubblica il suo primo EP, "Ni barreaux, ni barrières, ni frontières", che gli apre le porte del gioco e gli permette di passare direttamente a uno dei più grandi classici del rap francese: l'album "Les Princes de la ville", nel 1999. L'album si è rapidamente affermato, grazie non solo al duro lavoro di DJ Mehdi, ma anche al talento e alle capacità complementari dei tre amici d'infanzia. Mostrarono il loro orgoglio di essere abitanti della periferia, di essere riusciti a farcela da soli e lanciarono un incredibile messaggio positivo ai giovani delle periferie. Soprattutto, l'anno successivo hanno vinto il premio Victoire de la Musique, un'impresa rara per un gruppo rap hardcore. E hanno vissuto un momento incredibile che rimarrà a lungo nella memoria: la loro esibizione dal vivo nella famosa Peugeot 504, un'ulteriore affermazione della loro identità. Un'identità multipla, con un piede nel quartiere, l'altro in Francia e la testa tra le stelle con la voglia di fare grandi cose e rompere tutto.

Gli album congiunti con 113 (in particolare "Dans l'urgence") e i progetti con i Mafia K'1 Fry si moltiplicano e il successo cresce, ma Rim'K sogna anche una carriera da solista. Nel 2004 lancia la sua carriera da solista con l'album "L'Enfant du Pays". Dopo essersi guadagnato il soprannome di "Tonton" grazie al brano "Tonton du bled", il rapper ci ha portato avanti e indietro tra il suo quartiere e la sua nativa Cabilia, culminando nell'album "Maghreb United", molto suonato su Skyrock al momento della sua uscita. Ma è nel 2016 che ha assunto un'altra dimensione, poiché le avventure di 113 e Mafia K'1 Fry sembravano essersi arenate dal punto di vista musicale, e Rim'K ha deciso di passare alla trap con il suo "Monster Tape", nel 2016. Un progetto dal sound molto contemporaneo, che lo avrebbe lanciato in una nuova fase della sua carriera. Una fase in cui è diventato un nome familiare, rispettato da tutta la nuova generazione, che non ha esitato a collaborare con lui per 'Fantôme', poi 'Mutant', poi 'Midnight' e infine 'ADN', 5 progetti in 5 anni. Con, nel frattempo, grandi successi come "Air Max" con Ninho, l'esempio più eloquente dell'adattamento di Rim'K al rap della nuova generazione. A suo agio, in tema, mai fuori moda e sempre applicato: ecco perché la gente ama Rim'K.

RIM'K x PXP: 100% OG

Ci è passata per la testa l'idea di far provare al rapper gli abiti più stravaganti del nostro catalogo. Ma i nostri stylist hanno optato per la seconda soluzione, quella di cercare i capi PXP più eleganti per onorare l'OG che è Rim'K (original gangster, il soprannome dato ai pionieri del rap). Iniziamo con il primo outfit, in un arredamento che ricorda un locale underground che si può trovare in molti quartieri, ma di lusso, con bei tappeti sul pavimento, un imponente divano in pelle, alcuni televisori e altoparlanti. Lo zio siede in trono al centro di tutto, vestito con il suo abito bianco e nero. Una giacca nera da lavoro multitasche per la parte superiore, indossata aperta su una semplice maglietta bianca. cargo E pantaloni neri da lavoro nella parte inferiore, con un paio di Nike Air Force 1 bianche. Project X Paris Monogram street Un outfit sobrio ed elegante al tempo stesso, a cui abbiamo aggiunto una b orsa nera per dare un tocco "avventuriero" al look.

Infine, per concludere il servizio e la collaborazione in grande stile, abbiamo offerto a Rim'K un po' di kiff per il terzo outfit. L'atmosfera era ancora molto underground, molto "hangar", solo che questa volta abbiamo portato con noi... una Rolls Royce, l'auto OG per eccellenza del rap statunitense. Lo zio posa con sconcertante disinvoltura accanto e poi all'interno dell'auto, vestito con un abbigliamento sobrio che ricorda molto quello del primo servizio. Project X Paris Nella parte superiore troviamo la giacca multitasche da lavoro, ma questa volta in beige, indossata su una Maglietta bianca con il logo scritto in nero. In basso, troviamo anche i pantaloni da lavoro multitasche, anch'essi in beige, per un effetto complessivo molto riuscito. Ringraziamo Rim'K per la sua pazienza e professionalità: si percepisce la sua vera maestria davanti alla macchina fotografica e il suo genuino impegno. Gli facciamo i nostri migliori auguri per il suo "Hors-Série", in uscita a giugno, un progetto in cui ha raccolto tutti i suoi freestyle, e anche per il futuro!